Post

" Che emozione i nostri nomi su quella targa !"

"Che emozione i nostri nomi su quella targa ! " Carissime/i Manzonauti e non Manzonauti. Dovete   sapere, è evidente visitando il nostro blog, che la ManzoProdactionAid ha un sogno molto ambizioso: realizzare 15 ambulatori pediatrici in 5 paesi (Zimbabwe, Senegal, Burkina Faso, Etiopia e Siria) in 5 anni. Il nostro presidente Stefano Manzini con sua moglie Monica Ricceri consigliera, sono tornati ora dall'Africa, dopo aver fatto un giro per inaugurare 4 ambulatori pediatrici, cui hanno partecipato le Autorità locali, il Vescovo e l'Ambasciatore italiano in Zimbabwe. Con la sua intelligente effervescenza il presidente ha inaugurato ognuno dei 4 ambulatori scoprendo anche 4 targhe con il nome di Manzonauti testimoni permanenti al dono lasciato in quei luoghi. Gli ambulatori pediatrici sono adiacenti agli ospedali di riferimento e sono: Chitsungo ambulatorio con la targa a Giuliano Manzini (padre di Stefano); ST. Albert's. ad Antonio Giachetti grande Manzonauta; ST

UBUNTU......ci è piaciuto !

Immagine
 “Ubuntu è stato reso popolare in tutto il mondo da Nelson Mandela ed è generalmente interpretato “io sono perché noi siamo”. Una parola, una filosofia di vita e una visione del mondo africana che si propone di rafforzare la solidarietà sociale e una connessione globale di tutti i popoli e dei loro ambienti. Alcune parole con cui  è stato declinato:    “Uno stimolo a fare, ad essere migliori”  “Siamo tutti fili di una trama”     “Ti ascolto, ti comprendo, ti aiuto non giudico”      “Nell’oscurità o si maledice il buio o si accende un fiammifero”      “Siamo la porta di accesso di un mondo più equo”       “Quando capiremo che tutti siamo interconnessi, avremo in mano l’unico vero efficace strumento di aiuto”                      “La mia realizzazione coincide con la realizzazione di tutti”   “Portare il passo del più lento perché nessuno deve essere lasciato solo” e, le più famose ed efficaci, di Papa Francesco, “Nessuno si salva da solo”  Stanno tutte dentro la manzitudine che, come di

Messaggeri di UBUNTU ! Odissea in 30 passi

  Messaggeri di UBUNTU ! Odissea in 30 passi PROLOGO: La mattina del 7 aprile 2021 alle ore 6:00 il DreamTeamFacchini (9 manzopensionati, 4 ernie, 7 artrosi, 2 strappi, 1 peritonite, 2 pubalgie, 3 menischi) si è ritrovato al manzomagazzino ed ha caricato quasi 4 tonnellate di materiali sull’autotreno guidato da Angelo Bochicchio. L’autotreno si e’ poi trasferito ad Arquata Scrivia dove i materiali sono stati stivati all’interno di un container da 20 piedi. Il container è stato poi veicolato al porto di Genova ed imbarcato sul cargo Jolly Titanio. La nave ha percorso la rotta Genova - Turchia - Suez - Corno d’Africa - Mozambico - Sudafrica ed e’ arrivata il 4 giugno al porto di Durban. Il container è stato disimbarcato e collocato sul pianale di una motrice. Superate le formalita’ doganali il camion si e’ diretto verso la frontiera con lo Zimbabwe (giusto 1.098 km di strada). ODISSEA in 30 PASSI: 13.6.21 Arrivo a BeitBridgeBorder, lato sudafricano. Blocco totale. Richiesta di valorizzaz

No Pain Race

Immagine
 

PROTAGONISTI/Dijbril, Saidou, Saadou e Mariam: studenti Burkinabe' a Koulou

Immagine
  Dijbril, Saidou, Saadou e Mariam: studenti Burkinabe' a Koullou Djibril Je me nomme Sankara Djibril. Je suis dans le village de Koullou, quartier de Foon. Je dis merci à mes parents de m avoir inscrit à l école. Je suis dans la classe de CE1. J’aimerais être un docteur pour soigner les malades. Les maladies tuent beaucoup de gens dans mon village et cela me fait de la peine. On a pas un bon dispensaire ici. Je sais que si je travaille bien à l école je serai un grand docteur pour contribuer à diminuer la mortalité. Je dis encore merci à mes parents de m avoir inscrit à l école. Bon nombre d’ enfants non pas eu cette chance. 🙏🙏🙏 Mi chiamo Sankara Djibril, sono del villaggio di Koullou, distretto di Foon, ringrazio i miei genitori per avermi iscritto a scuola. Sono nella classe di CE1. Io vorrei essere un medico per curare i malati. Le malattie uccidono molte persone nel mio villaggio e questo mi addolora. Non abbiamo un buon ambulatorio qui. So che se lavoro bene a scuola potrò

PROTAGONISTI: Fratello Desí un maestro a Saaba in Burkina Faso

Immagine
Fratello Desí: maestro a Saába in Burkina Faso Come per la maggior parte delle vocazioni, la mia vocazione alla vita religiosa è stata una tale sorpresa che la identifico con il mistero, visto il contesto della sua genesi. Vengo da una famiglia cristiana (fattore favorevole alla mia vocazione), ma i genitori erano contadini. È stato in questa pia famiglia che ho ricevuto la mia educazione cristiana. Ringrazio Dio per la vita e l'educazione ricevuta dai miei genitori ai quali non posso esprimere che tutto il mio amore e affetto. Ti ho detto dall'inizio che la mia vocazione era quasi un mistero. Ha iniziato tardi. All'età di 20 anni sono tornato allo Juvénat Saint Joseph de Saaba per la formazione a questa vita religiosa, dopo 5 anni persi, principalmente per mancanza di mezzi finanziari. Nel 1997 sono stato ammesso al college per il 6 ° grado e ho fatto fino al quarto. Poi non ho potuto continuare gli studi perché i miei genitori non avevano più i mezzi finanziari per permet
                                                 Un sogno pensando a chi ha bisogno Sono montato a cavallo della fantasia. Ho visto una terra bellissima Con una regolare e sinuosa forma. Africa!   Cercavo di vedere i loro abitanti. Ho visto. Ho visto bambini/e, dal colore del cioccolato. Con quegli occhi grandi dove leggi la speranza.   Le labbra che sembrano formulare una domanda. E tu sai che ogni risposta è una promessa. Bambine/i ma anche adulti ai quali basterebbe un'inezia.   Per sentirsi confortati, per essere padroni della vita. La prima cosa, il primo segno È capire che a loro stai pensando con il cuore e la testa.   Ogni aiuto per loro è una festa Hanno tenacia e speranza da vendere Con il loro soffrire aperti all'aiuto. Sapranno risorgere   Quei volti rigati dalle lacrime ma pronti al sorriso. Se tu gli vuoi bene. Li vedo correre, giocare, saltare e cantare.   Saranno tristi ma dentro sono uno scrigno di gioia e amor